Attività espressive


 

Scrittura creativa

Il laboratorio costituisce un momento di condivisione delle idee espresse attraverso la scrittura narrativa, che viene potenziata e favorita attraverso la libera espressione. A partire da uno stimolo (incipit) si dà avvio al processo di scrittura senza autocensure, favorito, nel caso dei diversamente abili, dalla presenza di assistenti che scrivono al posto loro consentendogli di non interrompere il processo espressivo. Quest’anno, giunti al quinto anno di laboratorio, ci siamo posti come obiettivo la pubblicazione di una raccolta di fiabe scritte e illustrate dai ragazzi. Ci stiamo attivando nella ricerca di una casa editrice e di un piccolo finanziamento per la pubblicazione. Il laboratorio è condotto dal Dott. Eduardo Savarese, magistrato e vice presidente dell’ Associazione che ha di recente pubblicato il suo secondo romanzo. Il Dott. Savarese conduce, inoltre, numerosi laboratori di scrittura creativa.

Il teatro

E’ il momento dell’espressività personale che si confronta con gli altri e che come obiettivo non ha semplicemente l’espressione del sé ma del sé insieme ad altri. Da ormai due anni abbiamo avviato una collaborazione con Carla Caiazza, una maestra di teatro terapia che ha alle spalle dieci anni di esperienza di teatro con ragazzi diversamente abili, e che ha
fondato una compagnia formata da normodotati e diversamente abili. A conclusione di ogni anno di laboratorio i ragazzi presentano uno spettacolo al Palapartenope ottenendo soddisfazioni e riscontri da parte del pubblico. L’esperienza teatrale ha fatto crescere e responsabilizzare i ragazzi che si sono misurati con un pubblico completamente estraneo ai circuiti cui sono abituati. La novità del progetto in corso è la preparazione di uno spettacolo in cui il laboratori di teatro di musica e danza-movimento terapia verranno integrati in uno spettacolo integrato. Già da tempo stiamo lavorando, sulla stretta interconnessione con i laboratori artigianali orientati al recupero della nostra tradizione Partenopea e delle nostre radici culturali. Nei laboratori verranno costruite le scene, i costumi e gli strumenti musicali necessari alla messa in scena. Inoltre lo scorso maggio abbiamo partecipato ad una rassegna di teatro educativo, “Il Gerione”, che si tiene da oltre 10 anni a Campagna in provincia di Salerno. E’ una rassegna nazionale a cui partecipano scuole medie provenienti da numerose regioni d’Italia. I nostri ragazzi hanno avuto una ulteriore possibilità di confronto e di crescita e hanno vissuto un’esperienza di integrazione nuova e impegnativa. La partecipazione al “Gerione” è diventato dunque uno degli appuntamenti annuali in cui i nostri ragazzi sono impegnati.

Laboratorio musica

La musica costituisce un canale privilegiato di comunicazione e manifestazione dell’interiorità. Il laboratorio si fonda sull’utilizzo dei suoni onomatopeici relativi a diverse tipologie di strumenti e alla pratica degli strumenti a percussione ad uso esplorativo-espressivo e strutturale.

Laboratori di arti pittorico-plastiche

Nell’atto di creazione l’arte nutre l’anima, ci avvicina alla nostra umanità e lascia che percepiamo la nostra forza di esseri spirituali. I laboratori sono condotti da due delle operatrici che lavorano in sede e che hanno seguito un master triennale in arti terapie a Roma conseguendo la qualifica di arteterapeuta rispettivamente in arti pittorico plastiche e danza movimento terapia.
Arti plastico pittoriche: Attraverso uno stimolo artistico i partecipanti sono condotti ad un’elaborazione personale che favorisce l’espressività e integra le varie parti del nostro Sé.

Movimento danza terapia

La movimento danza terapia si radica innanzitutto nella matrice artistica ed espressiva della danza. La danza è la forma più completa di movimento: ne convoglia la componente biologica e funzionale all’interno di una intenzionalità simbolico-rappresentativa, nel quadro di un’esperienza creativa intrinsecamente relazionale. La danza, nel laboratorio, percorre una molteplicità di stili, attingendo alla pluralità delle culture del corpo e alla complessità individuale di ciscuno dei ragazzi.